BLUMLEIN & LANG_Tedeschi dall’anima italiana

La pelliccia sintetica oggi è probabilmente il capo di abbigliamento più sociall*, più politically correct e più glamour del momento. I grandi marchi si sono dedicati a produrne collezioni più o meno fashionable, ma, se si parla di qualità della materia prima, non si può non nominare il brand tedesco Blümlein&Lang, specializzato nella produzione e commercializzazione di capi spalla (e non solo) in pelliccia sintetica (o ecologica). I colori e la straordinaria delicatezza dei materiali le rendono straordinariamente godibili. Non ci sono limiti di colori, forme o lughezze, perchè ognuno dei capi firmati dal brand tedesco viene studiato, disegnato e sviluppato in Italia. Se non fosse per lo scandalo Volkswagen potremmo affermare con estrema lucidità che la precisione tedesca e la creatività italiana possono essere il connubio perfetto per garantirvi dei capi straordinariamente eccezzionali.

 

Aspettando le risorse…

Leggendo il titolo del post, più di qualcuno si chiederà il motivo per cui ho deciso di parlare del “valore della qualità del servizio” proprio in questa categoria del blog. La questione, per chi si occupa di comunicazione web e non solo, è direi quotidiana: le aziende danno sempre il giusto valore ai progetti sviluppati su internet? La risposta è… quasi mai! Molte aziende italiane ( in ritardo rispetto agli altri nostri cugini europei per non parlare degli americani!) hanno “rincorso internet” in malo modo e, purtroppo, continuano a farlo. Si creano grandi aspettative ma puntualmente molte vengono deluse dai risultati raggiunti.

E’ così per i diversi progetti web che le aziende sviluppano: dai siti aziendali a quelli di commercio elettronico, dai blog ai social network. Ma la questione è: perchè la maggior parte delle aziende non raggiunge i risultati attesi? La risposta che generalmente le aziende si danno è che è colpa dell’agenzia o del professionista che ha realizzato il progetto (non è competente). Ma è veramente così? io dico di no; e lo dico con ragione perchè ho avuto diversi riscontri contrari nel corso della mia vita lavorativa.

Mai come in questi ultimi anni il mondo internet si è evoluto e gli internauti sono sempre più esigenti di contenuti interessanti, funzionalità e servizi a valore aggiunto.  Detto questo è evidente che il ruolo dell’azienda è focale. E’ impossibile pensare che un sito web, un blog aziendale o un ecommerce funzioni semplicemente perchè esiste ed è online: se le aziende non si mettono in testa di dedicare risorse (persone, investimenti e contenuti) a questi progetti allora è evidente che non funzioneranno mai.

E’ bene che le aziende comincino a pensare che internet e le nuove tecnologie devono essere intesi come progetti strategici e come tali necessitano di risorse dedicate.  Chi l’ha fatto i risultati li vede!